lunedì


Lo Stemma del S.R.I.

Le Mappe della Nostra Storia !




Auguri a Tutti. Ci vediamo col Nuovo Anno !
Sacro Romano Impero
ALLE CARISSIME DAME E CAVALIERI !

martedì

Notiziario con Tutto sui nostri Eventi e Capitoli.


Commossa e commovente partecipazione
al Capitolo del 2020
nella meravigliosa cornice della
Basilica di Santa Maria in Cosmedin












































































PASQUA 2020

"San Pietro modello dell'azione e delle Fede, San Giovanni modello della Scienza e della contemplazione. Entrambi corrono verso il monumento sepolcrale, il quale è simbolo della Sacra Scrittura, nella quale i misteri della sua divinità e della sua umanità sono coperti dal peso della lettera come da una pietra tombale. Giovanni corre più veloce di Pietro, precedendolo. Ma non riesce ad entrare nel misterio, sarà Pietro che prendendolo per mano lo condurrà davanti alla tomba vuota del Signore; perché Pietro simbolizza la fede, Giovanni l'intelligenza. È perciò che è scritto: "se prima non avete creduto, non potrete comprendere"(Is 7, 9) è necessario che la fede penetri per prima nel monumento della Scrittura, e poi, seguendola, entri anche l'intelletto, il cui accesso è reso possibile proprio dalla fede".
Carissimi ho scelto un testo un tantino impegnativo ma bello, è di Giovanni Scoto Eriugena consigliere di corte di Carlo Magno. Perché voglio augurarvi una Buona Pasqua invitandovi a riflettere in questo momento particolare della Storia, l'intelligenza può correre veloce ed è una cosa bella, ma la vita, nel suo senso profondo e vero, va capita alla luce della Fede, lei ci introduce nel misterio meraviglioso che siamo ognuno di noi. 
Un abbraccio e la mia Benedizione.
Don Mauro. Capellano dell'ordine dei Cavalieri dell'Aquila Rossa.

*************************
Cliccate sull'Immagine !
www.studiostampa.com

















Con grande piacere, Vi comunichiamo che sono terminati i lavori di riqualificazione delle salette, androne e scalinata patrocinate dal S.R.I.: accoglieranno, speriamo presto, le attività ricreative di circa 80 bambini e abbiamo dato lavoro a due operai in un momento particolare.
www.studiostampa.com

********************** 
Ricordi del recente incontro




**********************
Causa improvvisa impossibilità sopravvenuta del primo relatore, 
ci vediamo costretti a spostare il convegno a data da destinarsi. 
Ci scusiamo con Tutti gli invitati e gentili ospiti.

   Gentilissimi tutti, 
in nome di S.A.S il Principe Enrico Giuliano di Sant'Andrea, del Gran Cancelliere degli Ordini dei Cavalieri del Sacro Romano Impero e del Gran Cancelliere dell'Ordine dei Cavalieri dell'Aquila Rossa, Vi ringraziamo per la calorosa partecipazione al Capitolo Invernale di Sabato 16 novembre 2019 nella calda cornice del Casale di Tor di Quinto in Roma. 
grancancelleriaordinisri@gmail.com

Qui sotto alcuni momenti della splendida cerimonia. 






























































Una partecipazione di grande riscontro al NeRoma Festival:

A.Berselli - M.Paolelli


A.Vicinanza - T.Willocks - S.Teodori


M.Caracciolo - S.Chiapperini - S.Teodori - M.Paolelli


M.Paolelli - B.Frale - G.Bertollini


M-Paolelli - C.Lucarelli - M.Pernazza


 S.Teodori - C.Lucarelli - B.Frale
www.ordinesacroromanoimpero.it


S.Teodori - C.Lucarelli - B.Frale


grancancelleriaordinisri@gmail.com

*** *** ***
Gentilissimi tutti, 

in nome di S.A.S il Principe Enrico Giuliano di Sant'Andrea, del Gran Cancelliere dell'Ordine dei Cavalieri del Falco Bianco e del Gran Cancelliere dell'Ordine dei Cavalieri dell'Aquila Rossa, Vi ringraziamo per la calorosa partecipazione al Capitolo Estivo di Sabato primo giugno 2019 nella splendida cornice del Castello Bonaccorsi in Sabina. 













*************************

Capitolo del 20 novembre 2018. 

Gentili Dame, 
Egregi Cavalieri, 
Graditi Ospiti,

in qualità di Cerimonieri, pertanto in nome di S.A.S il Principe Enrico Giuliano di Sant'Andrea e del Gran Cancelliere dell'Ordine dei Cavalieri del Falco Bianco e del Gran Cancelliere dell'Ordine dei Cavalieri dell'Aquila Rossa, Vi ringraziamo della calorosa partecipazione al Capitolo Invernale e dell'affetto con cui sono stati accolti i nuovi confratelli sotto gli Ordini del Falco Bianco e dell'Aquila Rossa. 

Come rappresentanti degli Ordini è un onore ringraziare, ancora una volta, la magnifica padrona di casa, la Commendatrice Avv. Maria Luisa Petroni per aver messo a disposizione il Castello Bonaccorsi.

Vi ringraziamo, infine, per la generosità con cui è stato condiviso, anche questa volta, l'impegno filantropico.

E' gradita l'occasione per inviare un Saluto Fraterno.

La Segreteria 



LA SEDE DEL CAPITOLO !

Qui le foto del Capitolo di Dame e Cavalieri. 


Iniziamo con la foto di fine Lavori

Bacio di Nomina al Cavaliere Gino Capitò

Bacio di Nomina alla Dama Alessandra Lepri

Beneficenza con la Rappresentante della Protezione Animali

Congratulazioni al Cavaliere Gino Capitò

Congratulazioni alla Dama Alessandra Lepri

Cortile del Castello Bonaccorsi

Intensa Partecipazione

Serafini-Lepri-Paolelli-Principe Enrico-Bertollini

La Dama Simona Teodori

Il Grand'Ufficiale Marco Serafini

Un abbraccio ai gentili Ospiti

Momento Centrale dei Lavori

Tocco per l'Aquila Rossa

Tocco a Marco Serafini per il Falco Bianco

Bacio di Nomina per l'Aquila Rossa

Intervento del Principe Enrico

Tocco per la Prima Dama del Falco Bianco

Tocco per il Primo Cavaliere del Falco Bianco

Il Principe Enrico col Gran Cancelliere del Falco Bianco G.Bertollini

Saluti di commiato del Principe
Enrico Maria Giuseppe Giuliano di Sant'Andrea

Ricamo del Falco Bianco

Ancora saluti a tutti

Una Sala del Castello Bonaccorsi

Commiato in allegria

Seduto il Gran Cancelliere dell'Aquila Rossa Marchese Marco Paolelli
al centro il Principe Enrico Maria Giuseppe Giuliano di Sant'Andrea
di lato il Gran Cancelliere dell'Ordine del Falco Bianco 

Cavaliere di Gran Croce del Sacro Romano Impero 
Barone Giancarlo Bertollini di Granzenstein

Momento di chiusura Lavori

Ospiti attenti mentre aleggia la commozione

Tocco per il Cavaliere Gino Capitò

Tocco per il Grand'Ufficiale Marco Serafini

Tocco per l'Aquila Rossa

Allegria contagiosa

Tocco per l'Aquila Rossa con, in piedi partendo da sinistra,
M.Serafini-A.Lepri-M.Paolelli-Principe Enrico- G.Bertollini




























































































































Il Gran Cancelliere dell'Ordine dell'Aquila Rossa
Cavaliere Grand'Ufficiale Marchese Marco Paolelli di San Tommaso
col nuovo Cavaliere G. Nechifor
Capitolo Autunnale 2017


  














CAPITOLO PRIMAVERILE 2017 

















Programma

Ore - 16,15 - Riunione preliminare Dignitari. 
       - 16,30 - Accoglienza Ospiti. 
       - 16,45 - Saluto del Rettore A.A.S. Prof. Enrico Maria Giuseppe Giuliano di Sant'Andrea. 
       - 16,55 - Prolusione 
       - 16,55 - Presentazione del Prof. Paolo Capri, Premio Scientifico-Letterario Otto D'Asburgo. 
       - 17,15 - Lezione Magistrale del Prof. Paolo Capri, Premio Otto D'Asburgo 2016. 
       - 17,35 - Relazione della dott.ssa Stefania Pagliani, Socia Accademica. 
       - 17,50 - Relazione avv. Francesca D'Avino, Socia Accademica. 
       - 18,15 - Relazione avv. Alessandra Lepri, Socia Accademica. 
       - 18,30 - Presentazione a cura della Socia Accademica dott.ssa Camilla Del Pero 
                       del critico d'Arte prof. Gregorio Rossi. 
                       Presentazione a cura del critico d'Arte prof. Rossi del Maestro Daniele Bongiovanni. 
                       Donazione dell'Opera del Maestro all'Ordine dei Cavalieri del S.R.I. 

       - 18,50 - Consegna dei Diplomi ai nuovi Accademici. 

       - 19,00 - Capitolo Invernale dei Cavalieri del S.R.I. 
                       Saluto del Sovrano Gran Maestro 
                       S.A.S. Principe Enrico Maria Giuseppe Giuliano di Sant'Andrea. 
                       Consegna dei Mantelli e delle Decorazioni ai nuovi Cavalieri e Dame. 
    
       - 19,30 - Presentazione Circolo dell'Unione. 

       - 19,45 - Aperitivo, a seguire, Cena di Gala.

IL SENSO DELLA STORIA 

Prof. Dott. Enrico Giuliano di Sant'Andrea. 

Ogni polemica storica, nasce dalla pretesa di intervenire sull'insegnamento della storia, intesa come materiale sul ruolo che essa svolge sul piano della conoscenza e dell’educazione delle coscienze, relativamente, soprattutto, alle vicende che hanno caratterizzato il Medio Evo. 
Polemica intorno all'insegnamento della storia, dunque. Essa nasce dalla denunzia della mancata presenza, in taluni manuali, di alcuni fatti in assenza dei quali non sarebbe possibile disegnare un quadro completo ed obiettivo dei momenti e delle circostanze che hanno scandito il corso della “Era di Mezzo”. 
Chi guarda la storia con superficialità, con i suoi statuti epistemologici, la considera semplicemente una “Scienza del Passato” e che, come tale, ha già detto tutto di sé, un tutto definitivamente vero e non modificabile. 
La Pricipessa Sichelgaita e la scuola di Salerno
La storia è una forma di conoscenza che si esercita attraverso l’esplorazione, la selezione e l’interpretazione dei fatti. I fatti, che si vorrebbero obiettivi, a considerarli nella loro semplice datità, sono muti e vuoti. A caricarli di contenuto e di senso, a farne una cosa in fìeri, che si trasforma e si perfeziona incessantemente, è l’interrogazione a cui li sottopone lo storico che, così solo, li fa parlare, ne fa dei fatti storici, quando se ne serve per raccontare la SUA storia, nella consapevolezza -come scriveva Edward H.Carr- che “il passato è comprensibile per noi soltanto alla luce del presente, e possiamo comprendere il presente unicamente alla luce del passato. Far si che l’Uomo possa comprendere la Società del passato e accrescere il proprio dominio sulla Società presente: questa è la duplice funzione della Storia. 
E forse non è un caso che M.Bloch -pur così distante per formazione e orientamento dallo storico Inglese- abbia scritto parole assai simili: “l’incomprensione del presente nasce fatalmente dall'ignoranza del passato. Forse non è però meno vano tentar di comprendere il passato, ove nulla si sappia del presente. 
Il senso della storia, in fondo, non è che questo misurarsi col continuo divenire del presente e del passato, nella prospettiva del comprendere. Ed è essenzialmente questo, che noi storici dobbiamo cercare di analizzare, trasmettere e far comprendere. 
Così operando, si esercita si un condizionamento, ma nel senso di stabilire condizioni di lavoro alle quali tutti devono adeguarsi, non perché se ne possano controllare le scelte ma, al contrario, perché ciascuno educando, sia confronto alle ragioni degli altri, impari a sua volta a scegliere e a sottrarsi all'omologazione e all'indifferenza. 
Se così non fosse, avrebbero ragione quanti giudicano il lavoro dello Storico monotono e ripetitivo, come se egli fosse il semplice esecutore di un mandato affidatogli da chi pretende che esistano verità da raccontare e obiettività da professare:i fatti chiari e trasparenti. 
L’iniziativa sarebbe di un qualche valore, anche politico, se nascesse dalla conoscenza dei bisogni dei giovani e dalla riflessione sul senso del lavoro di ricerca. Uno strumento, nel momento in cui iniziamo ad usarlo, perde la sua natura neutra e inerte e diventa metodo d’indagine, occasione per cominciare a determinare gradualmente le condizioni per il formarsi di una coscienza critica, capace di sviluppare la Consapevolezza di sé e degli altri nella dimensione, anche, della diversità e della differenza. 
Così, una riflessione sul Medio Evo, sulle origini dei profili medico-giuridici, non può che essere, qui adesso, lo strumento per comprendere la realtà che oggi, Medicina, Giustizia, Cura e Giurisprudenza, non sono e non possono che essere -nella ragione del convegno di oggi- il punto di origine e la ragione della comprensione della attuale realtà e soprattutto, la base della ricerca per le soluzioni del futuro.  
Redegonda fa giustiziare Ennio Mummolo e alcune donne accusandole di stregoneria
per aver avvelenato il figlio Teodorico.
Miniatura dalle “Chroniques-de-France-ou-de-Saint-Denis”-1332-1350


Cerimonia Ordine Cavalieri del Sacro Romano Impero 19.12.2011
  
  
 
   



       
   
 


    
Cerimonia Ordine Cavalieri del Sacro Romano Impero 05.06.2011
  
  
 
   


       
  

Attività
  
 Adottata una classe in Kenia dalla Delegazione Svizzera del Reale Ordine dei Cavalieri del Sacro Romano Impero.
 


 KENIA – Nel corso del Capitolo estivo, l'Ordine dei Cavalieri S.R.I. ha adottato una classe di bambini della "Mary's School", scuola primaria in località Mambrui (costa sud-est), di cui è Presidente il Commendatore Raffaele Trolese.                 
Il lungimirante progetto intende sostenere e realizzare in campo educativo e socio-sanitario la valorizzazione della persona, durante tutto il ciclo di vita.
  
 

    
 Missione di aiuto umanitario in Albania della Delegazione Svizzera del
Reale Ordine dei Cavalieri del Sacro Romano Impero Impero.
    
 SHKODER - Il Sindaco di Scutari ringrazia ufficialmente con lettera formale della Municipalità il Gran Maestro S.A. il principe Tiberio di Dobrynia e la Delegazione Svizzera del Reale Ordine dei Cavalieri del Sacro Romano Impero per la donazione giunta in favore degli alluvionati albanesi. Tra le rispettive Istituzioni si è instaurato un solido rapporto di collaborazione ed amicizia, che prossimamente darà il via ad importanti progetti di sviluppo sociale in loco, soprattutto a sostegno dei bambini e degli anziani bisognosi.
  
 


L'Ufficio Stampa: www.studiostampa.com